Lo Sviluppo Sensoriale

SIL-00283.jpg

PSICOTERAPEUTA ESPERTA IN AMBITO PERINATALE

Il cervello di un neonato e le sue connessioni si modificano e si sviluppano in modo esponenziale fin dai primissimi istanti di vita. Potete dunque sostenere questo sviluppo proponendo gli stimoli giusti senza per forza sovraccaricare i piccoli.

Preferite sempre oggetti dai colori neutri, giochi in legno, tappetoni dai colori soft.

Evitate colori sgargianti o giochi con mille musichette perché, soprattutto inizialmente, il rischio è quello di sovra stimolare il bambino e di renderlo più nervoso e irritabile.

È importante prediligere attività che ne rispettino i tempi e l’età lo aiuterà nello sviluppo dell’attenzione e della concentrazione con serenità e dolcezza.

Le capacità psichiche del bambino cominciano già prima della nascita: quell’esserino che è tra le vostre braccia ha già dei sentimenti propri e il suo cervello è già in funzione.

I primi rapporti con le figure di riferimento rappresentano per il bambino la sicurezza che si creerà in lui e che porrà le basi per uno sviluppo del sistema nervoso più saldo che lo renderà meno irritabile e più sicuro.

 

Prendetevi il primo mese per conoscervi, per coccolarvi, per rimettere insieme i pezzi di questa nuova esperienza. Successivamente, nei primi mesi di vita, non è necessario proporre grandi cose, ma è importante ricordare che ogni stimolo esterno per il bimbo è uno stimolo nuovo: è stato cullato per nove mesi nella pancia della mamma, con suoni attutiti e pochissima luce, la nascita rappresenta un grande salto in un mondo pieno di luci, colori e rumori e ci vuole tempo per abituarsi a tutto questo.
 

  • A un mese circa il neonato può seguire un oggetto che si muove orizzontalmente dalla periferia al centro (la distanza deve rimanere tra 15 e i 25 cm circa). Il neonato è molto attratto dalle sollecitazioni con colori ad alto contrasto che aiutano a promuovere la messa a fuoco e dai suoni, perchè l'udito, insieme al tatto, è il primo senso a svilupparsi già nella pancia. Per promuovere le prime basi dello sviluppo cognitivo proponete dunque al vostro bambino immagini in bianco e nero e sonagli o dai suoni dolci e delicati. Il primo tummy time, utilizzando questi giochi, può essere fatto sul petto di mamma e papà già dalle primissime settimane e solo successivamente su una superficie né troppo morbida né troppo rigida.

  • A partire dai due mesi il neonato inizia a distinguere sempre meglio i colori ed è in grado di percepire anche le variazioni di tonalità. Alla fine del secondo mese si assiste alla comparsa del sorriso del bambino rivolto alla figura d’attaccamento principale: non si tratta di un’azione riflessa, ma di un vero e proprio sorriso di risposta quando gli si presenta davanti un viso conosciuto. Approfittate del cambio pannolino per accarezzare il corpo del bambino, fargli dei massaggini, parlargli spiegando cosa state facendo, descrivendo le vostre azioni: rendetelo parte attiva di tutto ciò che mettete in atto con lui.

 

  • A tre mesi il bambino rimane molto attratto dai volti umani più vicini e inizia a seguire gli stimoli lungo un movimento orizzontale e verticale. In questa fase è molto importante variare la posizione degli stimoli e gli stimoli stessi: spostate lentamente gli stimoli e osservate come il bambino inizia a seguirli con lo sguardo (prima in movimenti orizzontali e poi verticali).

 

  • Intorno ai tre-quattro mesi il bambino inizia a muovere le gambine e le braccia in modo più consapevole: è attratto dagli oggetti e cerca di afferrali con le sue manineIn questo momento la fase orale è particolarmente spiccata e il bambino scopre il mondo attraverso la bocca, ed è per questo che è molto importante proporre giochi che possa ciucciare in tranquillità. Questo processo promuove anche la coordinazione occhio-mano-bocca che aiuterà il neonato ad afferrare e spostare gli oggetti sempre con più precisione.

 

  • Tra i cinque e i nove mesi il bambino acquisisce la posizione seduta autonoma e da lì in poi sarà sempre più capace di muoversi nello spazio. Inizierà a strisciare e a gattonare fino alla conquista dei primi passi! Non forzate mai il bambino a stare seduto da solo, osservarlo e rispettare i suoi tempi è come sempre fondamentale. L’ideale è continuare a proporre attività sul tappeto, così che lui si senta libero di muoversi, di rotolare ascoltando il suo corpo e prendendo dimestichezza con quello che sa fare nell’ambiente circostante. I momenti migliori per proporre attività a questa età sono il mattino o il pomeriggio dopo la nanna, quando il bimbo non è stanco o affamato. È molto importante mettere a disposizione pochissimi giochi per volta senza riempire il tappetone di oggetti.

 

  • Verso la fine dell'ottavo mese verso la fine dell’ottavo mese inizia per il bambino la scoperta di un nuovo concetto: comincia a scoprire che le cose che vanno via dal suo raggio visivo non cessano di esistere. Fino a questo momento per lui ogni scomparsa era vista come una cosa definitiva. Questo è un grandissimo passo in avanti nell’apprendimento, un processo che si porterà a termine intorno ai 18 mesi, quando non solo il bambino capirà che un oggetto non sparisce del tutto quando va via dalla sua vista, ma saprà anche dove provare a cercarlo se non è più nel luogo dove è stato riposto e di cui lui è a conoscenza. 

 

  • Dai dieci mesi vi è l’apprendimento delle caratteristiche degli oggetti che lo circondano, starà giorni e giorni a studiare la struttura di una sedia o di una tazza, fino ad arrivare a capirne l’utilizzo. La manipolazione tattile è sempre più spiccata (presa a pinza) e il bambino acquisisce sempre più coordinazione e autonomia.

di Silvia Ferrero, psicoterapeuta esperta in ambito perinatale

@langolodisole

 

Nanna: Istruzioni per l'uso

Le dolci coccole sonore di Happy Mülly si uniscono al libro "Nanna: Istruzioni per l'uso" scritto da Silvia Ferrero, psicoterapeuta esperta in ambito perinatale, in una speciale edizione regalo dedicata ai più piccoli e ai loro genitori

 

Ora disponibile su Nutricam

il portale dove si possono trovare informazioni utili legate alla genitorialità e selezionate figure professionali esperte in età infantile in diversi ambiti.

IMG_20220609_123137.jpg

Nanna: Istruzioni per l'uso

Le dolci coccole sonore di Happy Mülly si uniscono al libro "Nanna: Istruzioni per l'uso" scritto da Silvia Ferrero, psicoterapeuta esperta in ambito perinatale, in una speciale edizione regalo dedicata ai più piccoli e ai loro genitori

 

Ora disponibile su Nutricam

il portale dove si possono trovare informazioni utili legate alla genitorialità e selezionate figure professionali esperte in età infantile in diversi ambiti.

IMG_20220609_123137.jpg

Sviluppo motorio e sensoriale nel primo anno di vita

DSC_3964.jpg

0-3 mesi

- Giocare attraverso l'udito e il tatto, che sono i primi sensi a svilupparsi

- Scoprire le forme, i colori e le profondità

- Fornire le prime basi del gioco e dell'interazione

- Tummy Time

- Consolidamento delle attività della fase
0-3 mesi

- Fase orale (il bambino scopre il mondo attraverso la bocca)

- Sviluppare la coordinazione tra occhio, mano e orecchio

- Potrebbe iniziare la dentizione

DSC_3828_edited.jpg

3-6 mesi

DSC_3920.jpg

6-9 mesi

- Consolidamento delle attività della fase
3-6 mesi mesi

- Il bambino inizia a stare seduto e a giocare in modo più autonomo

- Verso i 6 mesi potrebbe iniziare a fare le attività da seduto

- Verso i 9 mesi potrebbe iniziare a provare a tirarsi in piedi

- Dentizione

3-6 mesi

- Continua l'esplorazione dell'ambiente esterno

- La manipolazione tattile è sempre più spiccata (presa a pinza)

- Dentizione

- Coordinazione visuo-spaziale

- Potrebbero iniziare i primi passi

DSC_3912.jpg

9-12 mesi